Tra le piante di pomodoro dalle bacche più amate dagli italiani quadra il pomodoro ciliegino, conosciuto anche come cherry. I pomodori ciliegini sono piccoli e tondi, il furto è dolce e succoso con un peso compreso tra i 15 e i 40 grammi.

Coltivare il pomodoro ciliegino
Il pomodoro ciliegino, se coltivato seguendo piccoli accorgimenti, può dare abbondanti raccolti anche in ambito dell’orto familiare. La coltivazione del pomodoro ciliegino si discosta da quella del classico pomodoro: i pomodori ciliegia vanno coltivati in un’aiola a parte, separati dalle altre coltivazioni (soprattutto separati dalle altre varietà di pomodori) perché concimazione, irrigazione e allevamento delle piante sono differenti rispetto agli altri tipi di pomodoro.

Il pomodoro ciliegino non ama un pH del terreno troppo alto o basso, infatto i suoli devono essere quasi neutri o poco acidi, il pH ideale va da 6 a 6,8.

Come coltivare pomodoro ciliegino

  • Tra l’autunno e l’inverno, preparate il terreno: vangate il terreno a una prodondità di circa 25-30 cm ed effettuate la concimazione di fondo interrando 4-6 kg di letame oppure 3-5 kg di compost ben maturo per ogni metro quadro.
  • Prima della messa a dimoro del pomodoro ciliegino si procederà alla concimazione minerale interrando 60-80 grammi di perfosfato minerale-19. 40-50 grammi di solfato di potassio-50 per ogni metro quadrato.
  • Dalla messa a dimora, se le piante dovessero faticare a vegetare entro le prime 2-3 settimane, bisognerà somministrare 15 grammi di nitrato di calcio-15 per ogni metro quadrato.
  • Durante la coltivazione non vanno effettuae concimazioni azotate.
  • La messa a dimora può iniziare da fine aprile fino alla prima decade di maggio (nel centro e nord Italia). Nel meridione si può anticipare di un mese.
  • Attendete almeno 3 anni prima di coltivare pomodoro ciliegino nella stessa aiola così da evitare la formazione di malattie. Evitate di coltivare nella stessa aiola altri tipi di solanacee (melanzana, peperone e patata).

Coltivare pomodoro ciliegino in vaso
Le varietà di pomodoro ciliegino da coltivare in vaso sono quelle a crescita determinata: nano ciliegia, pallini e lilliput. Le varietà a crescita indeterminata (ciliegia, chipano, gardenberry, pepe…) sono più adatte per la coltivazione in orto.

Pomodoro ciliegino giallo
Tra le diverse varietà di pomodoro ciliegino segnaliamo la gold star, un pomodoro dalla forma leggermente ovale, di colore giallo oro. Si tratta di una varietà ibrida, interessante da coltivare in ambito domestico e a crescita indeterminata. Per il suo tipo di crescita si consiglia di coltivarla in terra o in ampio vaso munito di tutore.

FONTE

 


Coltivare pomodori in vaso, la guida

Come coltivare pomodori in vaso: dimensioni del vaso, coltivazione in casa o in balcone, potatura, concime e tutti i consigli utili per coltivare il pomodoro in vaso.

 

Vuoi coltivare i pomodori sul balcone o sul terrazzo di casa tua? I pomodori sono eccellenti piante da vaso. Si adattano bene anche ai contenitori di discrete dimensioni. In questa pagina vedremo tutti i consigli per coltivare il pomodoro anche in spazi ridotti come può essere il balcone di casa.

Come coltivare pomodori in vaso

La coltivazione del pomodoro in vaso  è molto facile e divertente, per non parlare poi della soddisfazione e del piacere di poter mangiare qualcosa coltivato con le proprie mani. Ecco come coltivare i pomodori in vaso in maniera semplice.

Quando si coltivano i pomodori

Il periodo: Il mese migliore per invasare le piantine di pomodoro è maggio, basta acquistarle nei vivai o nei consorzi. Chi vuole partire dal seme, può eseguire una semina in ambiente protetto fin dal mese di marzo e provvedere alla messa a dimora a maggio.

La temperatura ottimale per lo sviluppo delle piante di pomodoro è compresa tra i 20 e i 22 °C ma questa pianta tollera bene anche basse temperature. Muore sotto i 2-3 °C e continua a prosperare anche con temperature minime di 12 – 13 °C. Se vuoi seminare i pomodori direttamente in vaso, tieni ben in mente queste temperature prima di portare il vaso all’aperto.

Quale varietà di pomodoro coltivare in vaso

Generalmente le piantine da coltivare in vaso sono quelle di dimensioni ridotte e a crescita determinata. Per la varietà ti puoi orientare per il pomodoro ciliegia (sempre a crescita determinata), oppure una varietà con pezzatura più grande, come  “San Marzano” o “Cuore di bue”, tutti indicati per salse e in insalata.

Quanto deve essere grande il vaso?

Dato che non è possibile ammassare le piantine in poco spazio sarebbe opportuno collocare una sola pianta in un vaso dalle dimensioni di 30 cm. In alternativa puoi orientarti verso le classiche fioriere e coltivare più piante in vasi rettangolari lasciando 40 cm di spazio tra una pianta e l’altra. Quando più piante competono per lo stesso substrato è sempre consigliabile lasciare un certo margine di crescita.

Quale terreno è più adatto alla coltivazione del pomodoro in vaso?

E’ preferibile scegliere un terreno con pH compreso tra 5,5 e 6.8, ricco di materia organica o compost. E’ importante scegliere un terreno ricco di azoto (terriccio fertile, oppure aggiungere del compost o letame ben maturo al terriccio universale).

I pomodori in vaso necessitano di potatura?

No, se avete scelto una varietà a crescita determinata non dovrai potare nulla. L’unico accorgimento utile sta nell’eliminazione di eventuali getti secchi o danneggiati.

Durante il periodo di crescita è consigliabile togliere quelle foglie che crescono tra fusto e getto per permettere alla pianta di concentrare le forze nella produzione di frutti.

Dove mettere il pomodoro in vaso?

Posizionare i vasi in una zona soleggiata: è la soluzione migliore per ottenere una buona produzione di pomodori.

Come coltivare il pomodoro in vaso

1) Riempire i vasi per due terzi di terreno poi invasare le piantine pomodoro con un’inclinazione del fusto di 45 gradi a una distanza di almeno 12 centimetri l’una dall’altra: la pianta di pomodoro inizierà a crescere dritta verso l’alto nel giro di pochi giorni.

2) Ricoprire con altro terreno fino a metà piantina e innaffiare assicurandosi che il terreno sia bene impregnato d’acqua.

3) Dopo che la pianta ha raggiunto una certa altezza, inserire un supporto necessario per mantenerla in posizione verticale e tenere sollevati i rami con i frutti.

A partire dalla metà giugno i fiori si ingrosseranno fino a diventare succosi frutti maturi.

Irrigare il pomodoro in vaso

Durante tutto il periodo della crescita della pianta è bene innaffiare il terreno almeno due volte a settimana assicurandoci di non lasciar seccare la terra.

Non bagnare le foglie perché l’umidità favorisce la comparsa di malattie fungine. Innaffiare sempre nelle ore più fresche della giornata, preferibilmente dopo il tramonto.

pomodoro in vaso

Indicazioni importanti per capire quando irrigare i pomodori in vaso: per capire se la pianta necessita di più acqua basta osservare lo stato delle foglie, se sono dritte e di colore verde brillante si stanno innaffiando in modo corretto se invece sono raggrinzite o spente bisogna aumentare le dosi.

Avere l’orto sul balcone di casa significa avere cibi sempre freschi senza dover temere la provenienza.

Consociazione con il pomodoro

Chi vuole coltivare il pomodoro in grossi contenitori, magari condividendo lo spazio di coltivazione con altre piante, può rispettare questa consociazione. Il pomodoro può essere coltivato insieme a carote, cicorie, lattughe, ravanelli e spinaci.

Pomodoro dolce in vaso

Piccolo consiglio per coltivare pomodori dolci e dal sapore inconfondibile!  Se ami i pomodorini piccoli e dolci, puoi scegliere il datterino. Le piante di datterino presentano frutti dalla polpa particolarmente dolce e dal peso medio che oscilla tra i 10 e 15 grammi. Durante la crescita, sarà necessario posizionare un tutor per supportare la posizione della pianta.

FONTE