ll rapporto di lavoro domestico: colf, badanti e baby sitter

Home/KUBOSPHERA/CIVIS, WORK & MONEY/ll rapporto di lavoro domestico: colf, badanti e baby sitter

ll rapporto di lavoro domestico: colf, badanti e baby sitter

Il rapporto di lavoro domestico

Modalità di assunzione, cessazione del rapporto lavorativo domestico e novità normative
Avv. Vittorio Bove – A norma della legge 2 aprile 1958, n. 339, il lavoratore domestico è colui che svolge la propria prestazione lavorativa, in modo continuativo, per le necessità ed il funzionamento della vita familiare del datore di lavoro, sia con qualifica specifica, anche di elevata competenza professionale, sia con mansioni generiche.

Lavoro domestico

Il lavoro domestico presenta modalità e caratteristiche diverse, analizziamo nel dettaglio le differenze vigenti in tale categoria:
1) un lavoratore può svolgere prestazioni lavorative a servizio pieno presso l’abitazione del datore (lavoratore domestico convivente o badante), se il lavoratore, oltre a ricevere la retribuzione prevista per lo svolgimento della propria attività, usufruisce anche del vitto e dell’alloggio;
2) un lavoratore può, invece, svolgere prestazioni lavorative con un servizio dimezzato, se l’attività prestata viene effettuata presso la stessa famiglia, per un totale di 4 ore al giorno o per 24 ore settimanali, quando la prestazione d’opera non e’ uguale in tutti i giorni della settimana;
3) un lavoratore, infine, può svolgere prestazioni lavorative ad ore se lavora presso la famiglia interessata solo per alcuni giorni alla settimana, e con un orario inferiore alla 24 ore settimanali.

Assunzione del lavoratore domestico

Coloro che svolgono attività lavorativa a servizio e per il funzionamento della vita familiare (badanti, colf, cuochi, bambinaie, autisti), vengono definiti lavoratori domestici, i quali devono necessariamente essere assunti, al pari di qualsiasi altro lavoratore, seguendo una procedura a cui il datore dovrà attenersi per non incorrere in gravi sanzioni.
Il rapporto di lavoro si instaura solo dopo che datore di lavoro e lavoratore hanno adempiuto a diversi obblighi previsti e dopo aver recuperato la documentazione necessaria per l’inizio del rapporto.
Infatti, dopo l’acquisizione dei documenti necessari per l’instaurazione del rapporto tra le parti interessate, si procede con la redazione, in forma scritta, di un contratto di lavoro. Successivamente alla stipula dello stesso, il datore di lavoro dovrà comunicare all’INPS, nei tempi previsti, l’inizio del rapporto lavorativo.
Instaurato il rapporto di lavoro, il datore dovrà, previo invio dei bollettini MAV da parte dell’Inps, versare i contributi dovuti al prestatore d’opera nel rispetto della categoria di appartenenza prevista dal CCNL in materia di rapporto di lavoro domestico ed in base alla paga oraria effettiva.

Cessazione del rapporto di lavoro domestico

Il rapporto di lavoro domestico può terminare sia per licenziamento che per dimissioni, o per comune accordo, in ognuno dei casi succitati il datore di lavoro è tenuto a dare comunicazione all’Inps entro 5 giorni dal verificarsi dell’evento.
La comunicazione può essere fatta telefonicamente (Contact Center dell’Inps), online tramite il sito dell’Inps o tramite intermediari abilitati ai servizi telematici.
Il rapporto di lavoro cessato per dimissioni o licenziamento, prevede, per il lavoratore nel primo caso e per il datore nel secondo, di concedere un preavviso inviando una lettera di interruzione del rapporto. Con la chiusura del rapporto lavorativo il prestatore d’opera è tenuto a ricevere una liquidazione comprensiva di TFR, pagamento di eventuali ferie non godute e della 13° mensilità maturata.
Contributi badanti, colf e lavoratori domestici
I contributi che il datore di lavoro è tenuto a versare per badanti, colf e lavoratori domestici aumentano in base alla variazione Istat dell’indice dei prezzi al consumo per famiglie di operai e di impiegati.
Il calcolo di quanto il datore di lavoro deve versare all’Inps dipende dal tipo di contratto, ovvero se si tratta di lavoro a tempo determinato o indeterminato.

Badante non in regola? Nessuna responsabilità per la famiglia

Per l’Ispettorato del Lavoro, niente conseguenze sanzionatorie per le famiglie se la società che somministra il personale non è in regola

di Lucia Izzo – Non è raro che le famiglie in difficoltà, alla ricerca di un aiuto, si affidino a società e cooperative che forniscono servizi di assistenza alla persona. Cosa accade, tuttavia, laddove gli Ispettori del Lavoro riscontrino somministrazione illecita di manodopera, ossia se le società siano prive delle necessarie autorizzazioni per proporre le “badanti” alle famiglie?
Le conseguenze sanzionatorie non ricadranno sulla famiglia privata, questa è la conclusione riportata direttamente dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro, nella nota n. 5617 del 21 giugno 2017 (qui sotto allegata).

L’Ispettorato ha chiarito che chi si avvale della prestazione della badante “somministrata” da una cooperativa o società che non è autorizzata all’intermediazione di manodopera non potrà subire le conseguenze di tale irregolarità.
Nella nota, si legge a chiare lettere che la sanzione amministrativa prevista all’art. 18, comma 1 del d.lgs. 276/2003 “si applicherà unicamente nei confronti del somministratore e non anche nei riguardi dell’utilizzatore/famiglia privata, fruitrice del servizio di assistenza alla persona, la quale non sarà, peraltro, chiamata a rispondere ex artt. 35 e 38 de.lgs. n. 81/2015”.
La disciplina, così l’Ispettorato giustifica tale assunto, fa riferimento al mondo produttivo, come si desume dai frequenti riferimenti testuali, con evidente esclusione degli attori del mondo prettamente sociale quali le famiglie.
Somministrazione illecita di manodopera: niente sanzioni per le famiglie
A sostegno vi sono anche ragioni di ordine pratico oltre che di giustizia, fra cui la difficoltà per le famiglie, applicando la diligenza media, di verificare che i soggetti che somministrano siano legittimati e in possesso delle particolari condizioni ed autorizzazioni previste ex lege per lo svolgimento dell’attività di somministrazione.

Il d.lgs. 276/2003 prevede che per lo svolgimento delle attività di somministrazione di manodopera, nonché di intermediazione, ricollocazione professionale, ricerca e selezione del personale, siano necessarie apposite autorizzazioni e l’iscrizione ad apposito albo. Chi non ottempera ai requisiti previsti dalla legge rischia una sanzione (prima della depenalizzazione ammenda di 50 euro per ogni lavoratore occupato e per ogni giorno di lavoro).

Tuttavia, la medesima sanzione era prevista anche nei confronti dell’utilizzatore che si fosse avvalso della manodopera fornita da soggetti non legittimati: da qui la necessità di fornire una risposta in merito alla questione riguardante le famiglie e gli anziani coinvolti in questo meccanismo in quanto utilizzatori della manodopera fornita.

La depenalizzazione delle fattispecie in esame a seguito del decreto legislativo 8/2016, ha riportato l’attenzione sulla questione e ha fatto sì che venisse ribadita l’estraneità delle famiglie private quanto agli illeciti previsti dal d.lgs. 276/2003, dopo che la questione era già stata affrontata in egual maniera dalla nota prot. n. 22057 del 17 dicembre 2013 in relazioni alle sanzioni di cui all’art. 18, comma 2, del decreto legislativo.
Ispettorato Nazionale Lavoro, nota 5617/2017


Il rapporto di lavoro di colf e badanti

La loro prestazione è riconducibile alla tipologia contrattuale del lavoro domestico
di Valeria Zeppilli

Chi sono le colf e le badanti

Le colf e le badanti sono le due figure più diffuse di lavoratori domestici, categoria che comprende, oltre a tali soggetti, anche le baby sitter, i camerieri e, più in generale, tutti i lavoratori addetti a soddisfare le necessità della vita familiare del proprio datore di lavoro.

Nel dettaglio, con il termine colf ci si riferisce, in generale a quelle lavoratrici (ma anche lavoratori) addette all’igiene, alla pulizia e all’ordine della casa. Le badanti, invece, sono quelle lavoratrici (ma anche lavoratori) che si occupano di assistere continuativamente delle persone non pienamente autosufficienti nella loro vita domestica quotidiana.

Per completezza si precisa che sono lavoratori domestici anche coloro che svolgono le loro attività in favore di comunità senza fini di lucro ma con fini assistenziali, di caserme, di comandi militari o di comunità religiose.

Il contratto di lavoro di colf e badanti

In linea generale, l’assunzione di una colf o di una badante, se a tempo pieno e indeterminato, non richiede necessariamente un atto scritto: la legge, infatti, in tali casi non impone particolari requisiti formali.

Tuttavia, l’articolo 6 del CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico prevede la necessaria redazione di un contratto di lavoro domestico, nel quale indicare i diversi aspetti che caratterizzano il rapporto lavorativo.

In ogni caso, la formalizzazione del contratto per iscritto permette sempre di evitare l’insorgere di contestazioni sugli aspetti che regoleranno in concreto il rapporto.

L’assunzione, comunque, va comunicata all’Inps entro le ore 24 del giorno precedente a quello in cui il rapporto di lavoro avrà inizio, anche se festivo. L’istituto previdenziale va anche informato tempestivamente nel caso in cui gli accordi in essere tra datore di lavoro e colf o badante si modifichino, come ad esempio nel caso in cui vari l’importo della retribuzione o il rapporto originariamente stabilito a tempo determinato divenga a tempo indeterminato.

La comunicazione va fatta attraverso il sito web Inps o il contact center telefonico.

Colf e badanti extracomunitarie

I lavoratori che possono essere assunti come colf o badanti non sono solo quelli italiani o comunitari in possesso di codice fiscale, documento di identità valido e tesserino sanitario.

L’assunzione, infatti, può riguardare anche i lavoratori extracomunitari, in maniera più o meno agevole a seconda che gli stessi siano già soggiornanti in Italia oppure no.

Nel primo caso è infatti sufficiente che il lavoratore che si intende assumere sia in possesso di un permesso di soggiorno valido per lo svolgimento di attività lavorativa. Nel secondo caso, invece, occorre chiedere il nulla osta del Ministero dell’interno, per il quale è necessario presentare domanda online (cliccando qui). L’autorizzazione è subordinata all’impegno del datore di lavoro a farsi carico delle spese di viaggio per il rientro della colf o della badante nel suo paese di origine e ad offrirle un adeguato alloggio.

Il nulla osta, una volta ottenuto, va trasmesso alle autorità consolari italiane presenti nel paese di provenienza del lavoratore, presso le quali quest’ultimo dovrà recarsi per ritirare il visto di ingresso. Una volta arrivato in Italia, il lavoratore ha otto giorni di tempo per recarsi presso lo Sportello Unico per l’Immigrazione presso la Prefettura e sottoscrivere il contratto di soggiorno e la richiesta di permesso di soggiorno.

Dopo l’avvio del rapporto, il datore di lavoro è tenuto anche a comunicare alle autorità competenti tutte le eventuali modifiche che lo dovessero interessare.

La disciplina del rapporto di lavoro

La disciplina del rapporto di lavoro di colf e badanti è dettata dagli articoli 2240 e seguenti del codice civile e dalla legge numero 339/1958, che si occupano in generale del rapporto di lavoro domestico (la seconda limitandosi ai casi in cui la durata del rapporto sia di almeno 4 ore giornaliere presso lo stesso datore di lavoro). A tali fonti normative si affiancano i contratti collettivi, che disciplinano il rapporto più nel dettaglio.

Della disciplina legale si segnala in particolare che, rispetto a quanto avviene per gli altri rapporti di lavoro subordinato, il lavoro domestico non soggiace alla disciplina generale dell’orario di lavoro: per le colf e le badanti, infatti, la legge prevede solo il diritto a un conveniente riposo durante il giorno e ad almeno otto ore consecutive di riposo notturno.

È interessante, inoltre, la previsione di cui all’articolo 2241 del codice civile, in forza della quale il patto di prova si presume per i primi otto giorni, così prescindendosi dalla necessaria forma scritta altrimenti richiesta.

Vitto e alloggio

Una peculiarità del rapporto di lavoro di colf e badanti che merita specifico approfondimento è, infine, quella relativa al vitto e all’alloggio.

Infatti, nel caso in cui il prestatore di lavoro sia ammesso alla convivenza familiare, egli ha diritto non solo alla retribuzione in denaro. Allo stesso infatti, ai sensi dell’articolo 2242 del codice civile, spettano anche il vitto, l’alloggio e, in ipotesi di infermità di breve durata, la cura e l’assistenza medica.

Di |2020-03-28T20:19:45+01:0017 Febbraio 2020|Categorie: CIVIS, WORK & MONEY|Tag: , , , , , , , , |0 Commenti

Scritto da:

Bardo Volante di MondOltre e Guardiano della Gilda Esploratori Erranti
Torna in cima