Sì, è vero, fino a pochi anni fa i videogiochi, soprattutto i RPG, erano considerati qualcosa per semplici nerd. Vuoi per l’immagine trasmessa dai film per ragazzi anni ’80, vuoi per la minima diffusione dei videogiochi e delle console nelle decadi scorse, per molto tempo si è pensato che impersonare maghi, folletti ed eroi vari fosse qualcosa per soli nerd. Non è certo così, e anzi, ciò che viene messo in pratica durante le partite con giochi RPG può tornare molto utile anche nella vita di tutti i giorni!

1. I giochi di ruolo alimentano la creatività
I giochi di ruolo richiedono un’immaginazione attiva e la capacità di pensare rapidamente, sui due piedi, inventando nuove strategie, molto spesso creative. Questo poi si riflette anche nella quotidianità rendendoci più creativi e più appassionati ai nostri hobby.

2. Il gioco di ruolo porta alla risoluzione dei problemi
Molto di ciò che i giocatori fanno quando si riuniscono è fare squadra per risolvere i problemi, un’altra abilità utile in quasi tutti gli altri aspetti della vita quotidiana. Durante una partita, vengono regolarmente presentate situazioni che non ci si aspettava ed è qui che scatta l’abilità di problem solving.

3. … e al lavoro di squadra
Dungeons & Dragons, come quasi ogni altro gioco di ruolo là fuori, riguarda anche il lavoro di squadra: un gruppo di amici nel mondo immaginario del gioco si aiutano a vicenda, anche di fronte alle avversità. La combinazione di creatività, risoluzione dei problemi e lavoro di squadra che i giochi di ruolo insegnano è fondamentale sia per la crescita sia per reagire alle prove della vita, prima in ambiente didattico poi in ambiente lavorativo.

4. Giochi di ruolo e socialità
Diventare giocatori di RPG – soprattutto ora che si può giocare online con tutto il mondo – prevede anche di conoscere e far amicizie con persone sparse in tutto il globo (o a due passi da casa tua…). È molto probabile che il gioco contenga anche un forum e/o una chat per comunicare con i propri amici virtuali, il che rende tutto più entusiasmante e reale, ed aiuta i ragazzi più timidi a lasciarsi andare. Ovviamente per i più piccoli è necessario stabilire delle regole per l’uso di questi strumenti e anche individuare cosa si può fare per proteggerli online, ad esempio utilizzare connessioni sicure come le VPN. A parte questi accorgimenti che spettano ai genitori dei giocatori
più giovani, per il resto degli appassionati di RPG, il gioco diventa un ottimo modo per uscire dal proprio guscio e conoscere anche altre culture e lingue.

5. Il gioco è un ottimo modo per imparare la netiquette
Una cosa ormai dimenticata da molti online è la netiquette, ovvero quelle regole comportamentali adottate dalla vita reale e approvate nel mondo delle comunicazioni online. Nei giochi, proprio per le sue caratteristiche intrinseche, questa viene ancora messa in pratica: ascoltiamo quando gli altri parlano, ci alterniamo durante il gioco, assistiamo i nuovi giocatori nell’;apprendimento e generalmente cerchiamo di assicurarci che tutti gli altri nel gioco si stiano divertendo.

Bonus: I giochi di ruolo possono aprire delle porte
Proprio grazie alla spinta che danno a creatività, problem solving e team work, i giochi RPG possono aiutare nella scelta del proprio lavoro. Freelancer, bloggers, e tutti i lavori creativi possono trarre beneficio e entusiasmo dai giocatori più accaniti!

 

Stefania @TechWarn.com

30 N Gould St Ste R, Sheridan, WY 82801, USA