Zampironi? Fornelletti? Insetticidi? Roba vecchia e anche tossica. Se volete liberarvi delle zanzare in modo rapido, eco sostenibile e alla moda procuratevi un… pipistrello.

Volete sbarazzarvi delle zanzare in modo rapido, eco sostenibile e alla moda? Procuratevi un… pipistrello o magari un’intera famigliola di questi piccoli (dalle nostre parti, ma altrove possono essere giganteschi) mammiferi volanti. Che in una notte possono mangiarsi fino a 2.000 zanzare a testa (sperando che non siano tutte accalcate nella vostra camera da letto).

Ma come fare ad attirare sul proprio terrazzo o nel proprio giardino questi simpatici killer alati?

NON C’È BISOGNO DI UNA CAVERNA. Basta offrire loro un rifugio adeguato. E non c’è bisogno di trasformare la casa in una bat caverna. Basta una scatoletta a forma di parallelepipedo in legno di betulla di circa 35 cm per 60, spesso 5 assemblato senza collanti e coloranti che respingerebbero l’utilissimo ospite.

Le bat box – come sono state ribattezzate – esistono da qualche anno: sono la declinazione pratica del progetto “Un pipistrello per amico” sviluppato dal Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze e finalizzato alla protezione dei chirotteri. Si possono costruire in casa con pannelli di legno spessi almeno 1,5 cm [Qui le istruzioni dell’Università di Firenze o del comune di Brescia].

ALLA PORTATA DI TUTTE LE TASCHE. Se non avete la passione del bricolage, il bat-rifugio può essere acquistato nei supermercati, negli ipermercati e nei negozi di bricolage a meno di 30 euro (basta cercare bat box con Google). Il momento migliore per “affittarle” ai pipistrelli è tra marzo a maggio, quando escono dal letargo: si appende ad almeno quattro metri da terra e poi si aspetta l’arrivo di una coppia di potenziali inquilini.

DOVE APPENDERLA? Su un muro, per esempio la parete esterna della casa, vicino a zone alberate o direttamente su un albero. Ma attenzione a non metterla proprio sotto una zona di passaggio: anche i pipistrelli, come gli uccelli, fanno la cacca. E potrebbero colpirvi. Non montatele su lastre di metallo (non vengono colonizzate) e fate attenzione che non siano illuminate da luci durante la notte perché non aiutereste i pipistrelli a rendersi conto dell’arrivo del crepuscolo.

A fine stagione i chirotteri si ritireranno in grotte e cavità sotterranee dove, salvo sporadiche uscite, trascorrono in stato di letargo [guarda foto] l’inverno.

RIFUGIO INVERNALE? NON SEMPRE. Tuttavia talvolta alcuni pipistrelli trovano le bat box così accoglienti che ci si fermano anche nella stagione fredda. Per questo motivo i rifugi più recenti sono costruiti in modo da non venire colonizzati anche d’inverno. Se avete una bat box fatta in casa o di qualche anno fa, è dunque opportuno non rimuovere i rifugi artificiali durante i mesi invernali.

FONTE


COSTRUIRE UNA BATBOX È FACILE!

L’ente parco del Ticino e lago maggiore ha pubblicato un video utile per imparare a costruire una “casetta” per i pipistrelli

Nella sezione “news” del suo sito web istituzionale, l’Ente di Gestione delle Aree Protette del Ticino e del Lago Maggiore ha pubblicato un’interessante

video tutorial  che insegna come costruire una “batbox” vale a  un rifugio per i pipistrelli.

I chirotteri sono utili anche nel giardino di casa perchè riescono a eliminare un’enorme numero di zanzare nel periodo estivo.

Come costruire una batbox [Costruire una BatBox.mp4 / 65.610 Kb]