Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra PRIVACY & COOKIE POLICY.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

 

Non ricordo se fossero della grande alpinista Catherine Desteville o di Tomo Cesen, ma da vent’anni queste parole sono incise a fuoco nel mio cuore: “Un uomo getta un sasso, il sasso del suo desiderio, nella nebbia, nell’ignoto, e subito si lancia ad inseguirlo.”

Così, volendo festeggiare degnamente i prossimi quarant’anni, dopo essermi soffermato brevemente su un improbabile quanto inutile e scontato cambio d’auto, magari di cilindrata superiore per soddisfare un quantomai diffuso imperativo consumistico, ho fatto vuoto mentale intorno a me e, anche grazie all’opera silenziosa di Arianna, sono riuscito a rifocalizzare i miei pensieri sul mio sogno infantile più grande: VOLARE! 🛫🚁

Per vedere il mondo dall’alto e abbattere barriere spaziali sono diventato un alpinista, mi sono avvicinato agli ultraleggeri, sono stato volontario tra i paracadutisti della Folgore prima e della Cervino poi. Sapeste quante volte, adolescente, ho chiesto in casa di poter fare una famosa scuola da piloti elicotteristi a Novara… ma non sono riuscito mai a pilotare!
Perché, tra tutte le tipologie di volo, è proprio l’ala rotante che mi attrae da sempre maggiormente: con la sua “chirurgica” precisione di movimento, con la possibilità di decollare e atterrare in qualsiasi spazio angusto… è semplicemente meravigliosa!

Così, tempo fa, ho iniziato a documentarmi, poi mi sono avvicinato a un’ottima scuola di volo e oggi… alle 10.00 ho finalmente avuto il mio “Battesimo dell’Aria”. Con il copilota istruttore Igi, decollo dai piedi del Musinè, sorvolo della montagna in direzione Sacra di San Michele, Laghi di Avigliana, Trana, Villarbasse, Rivoli e atterraggio. Un centinaio di km scarsi in un’oretta lunga un’eternità durante la quale ho dovuto dimostrare di saper gestire i comandi base e reggere allo stress del volo in autonomia.
Esame superato… e ammissione al corso per i brevetti: un lungo cammino che durerà certamente alcuni anni, ma sono certo mi darà delle soddisfazioni incredibili!

E’ proprio vero: Mai smettere di inseguire i propri sogni… lasciarli nel cassetto non serve a niente e a nessuno! ^^