Negli ultimi due anni ho cercato di riordinare un po’ gli appunti presi leggendo in tanti anni tanti testi sul simbolismo (in particolare di Carl Gustav Jung e di Claude Levi-Strauss), il totemismo, lo gnosticismo e le tradizioni/mitologia celtico-norrena.

Creando il nuovo sito web “BG3” pensai, in un primo momento, di descrivere la mia esistenza nella pagina “CHI SIAMO” suddividendola in periodi esistenziali associati ad “animali totemici” che li rappresentassero anche dal profilo simbolico. Ho poi optato per una soluzione molto più tradizionale, con una sorta di “Curriculum Vitae” semplificato e schematico… ma non voglio però dimenticare il lavoro e le riflessioni fatte nell’estate del 2018. Magari potrò ri-utilizzarlo per caratterizzare i “Racconti di Bron ElGram” 😉

BRON-LIFE 1973-2020

  1. ★ PETTIROSSO 1973 – 1975
  2. SCOIATTOLO 1976 – 1984
  3. LINCE 1984 – 1988
  4. CINGHIALE 1989 – 1992
  5. SALMONE 1993-1994
  6. ★ FENICE 1994
  7. FALCO 1995 – 1997
  8. CORVO 1997 – 1999
  9. APE 1999 – 2001
  10. ANATRA 2001 – 2005
  11. LUPO 2006 – 2011
  12. AQUILA 2012 – 2015
  13. ORSO 2015 – 2020

 

★ PETTIROSSO 1973-1975

Quasi nessun ricordo.

Simbolicamente il pettirosso è foriero della primavera, della speranza e della serenità. In tanti testi è evidenziato che contribuisce a creare l’armonia e sostiene chi sta guarendo da un trauma emotivo e/o fisico.

SCOIATTOLO 1976 – 1984 

Vivevamo a Bricherasio e spesso si andava dai nonni materni in Val Luserna dove potevo scoprire le meraviglie della natura. Meno da quelli paterni a Pinerolo. 

Lo scoiattolo è simbolo di curiosità, azione e miglioramento. Integra lavoro e gioco. Insegna a sfruttare l’energia del nostro bambino interiore e dona un approccio gioioso alla vita. Nel momento in cui ci si sente appesantiti dagli oneri della responsabilità o del lavoro, aiuta a sdrammatizzare, ritrovando la fiducia, la curiosità e la gioia. Incrementa la velocità nel pensiero e nell’azione, aumentando le capacità di adattamento. Annuncia cambiamenti importanti in arrivo.

LINCE 1984 – 1988 

Anni di scoperte e di emozioni, in bicicletta per le colline, aiutando nei negozi di famiglia e in cascina. Liceo a Pinerolo. Nell’estate ’87 prima esperienza come “bocia” da un fabbro, dall’88 “bocia” idraulico e lattoniere.

La lince, nel simbolismo, è tra le detentrici della conoscenza occulta, ai segreti e al mistero. E’ in relazione con le conoscenze delle antiche confraternite di iniziati. Aiuta, tramite l’introspezione personale, a sviluppare le facoltà divinatorie e psichiche.

CINGHIALE 1989 – 1992

Trasferimento definitivo in valle a Lusernetta. Liceo a Pinerolo. Scopro i boschi, le montagne italo-francesi, l’alpinismo e il CAI. Oltre a tante altre cose.

Importante per l’arte e i miti dei popoli celtici, il cinghiale è stato conosciuto per la sua astuzia e la sua natura feroce.  Nel calderone di Gundestrip c’è una placca dove è scolpito un cinghiale e dove i guerrieri hanno un elmo che rappresenta questo animale totem. È probabile che, col tempo, il cinghiale sia passato a rappresentare le forze solitarie del guerriero.

SALMONE 1993-94

La patente, la maturità, la fotografia, il concorso all’Accademia Militare di Modena. Roma, Guidonia, Torino, l’inizio di Giurisprudenza.

Il salmone è associato al simbolo della “direzione”. Le sue capacità di navigazione possono essere invocate per trovare la propria strada, o per mantenere la direzione e la perseveranza nel momento in cui è stata fatta una scelta molto importante. Aiuta anche a trovare il significato spirituale dell’esistenza e a comprendere lo scopo della nostra vita.

★ FENICE 1994

L’incidente in vespa, il tempo in ospedale, la riabilitazione, le scelte successive.

La fenice simboleggia il rinnovo, la purificazione. E’ associato anche all’alchimia, intesa come processo di trasmutazione. Questo processo di evoluzione può richiedere di sacrificare e bruciare una vecchia identità a favore di una nuova immagine o di un nuovo stile di vita che deve affiorare. Altre implicazioni simboliche possono essere le seguenti: la fenice, dal momento che si crea da sé, non vuole avere alcun Maestro. Essendo un uccello unico (ne esiste soltanto una per volta), è un essere solitario. È ancora più solitario per via del fatto che non si riproduce. Può vivere centinaia d’anni, ma sempre da sola, senza nessuno dei suoi simili. Pur essendo lo scopo della sua vita quello di riportare la felicità sulla Terra, lei stessa ha dovuto rinunciare alla sua felicità personale e alla possibilità di amare, dal momento che una Fenice vivendo più a lungo dei comuni mortali, può avere difficoltà a trovare un compagno per la vita.

FALCO 1995 – 1997

Università, giornalismo, lavoretti e informatica. A Torino nelle mansarde di via Carlo Alberto, in centro, e poi in via Morghen. Spesso a Mondovì/Vicoforte.

Il falco, in ogni cultura, simboleggia il Messaggero. Rappresenta il potere della visione, la sapienza e la tutela. Il falco porta con sé un messaggio di transizione e di cambiamento, consente di sviluppare chiarezza interiore e di diventare più attenti ai segnali che l’Universo ci sta inviando. Con la sua vista perfetta ci aiuta a sapere esattamente dove siamo. Favorisce la comunicazione e la creatività, ci incoraggia ad elaborare una precisa strategia prima di mirare ai nostri obiettivi. Invita a rendere la propria passione una realtà da perseguire, con metodo e con il potere della tattica, proprio come fa il falco quando si avventa sulla sua preda.

CORVO 1997 – 1999

Esercito: paracadutisti Folgore a Firenze, alpini paracadutisti Cervino a Bolzano, alpini 18° RAR Edolo (ex Tridentina) a Merano.

Il corvo simboleggia la magia e il potere sciamanico. Aiuta a sviluppare l’intuito e a vedere oltre la realtà del quotidiano. Per imparare a fidarsi della propria voce interiore imparando a muoversi tra i vari regni, superando la barriera che separa il regno materiale da quello spirituale. Aiuta anche a condividere i propri doni spirituali con gli altri. Nella cultura celtica questo animale era trattato con molto rispetto. Il corvo era un auspicio di conflitto e di morte, associato alle divinità Macha, Badb, e Morrigan.  La parola irlandese per il corvo è badb, che è anche il nome di una dea celtica della guerra.  Il corvo era anche ritenuto abile, scaltro, e portatore di conoscenza. Insegna il valore dell’inganno quando questo è necessario.  Insegna anche ad imparare dalle lezioni del passato, senza però aggrapparsi ad esso.

APE 1999 – 2001

Si torna a Torino. La convivenza con Arianna in C.so Vittorio Emanuele II. [email protected] S.r.I., la nostra società di consulenze informatiche e legali. Pesci e tartarughe.

La simbologia dell’ape, di norma, è citata in connessione con il suo prodotto: il miele. L’ape è industriosa, laboriosa ed efficiente, quando si tratta di portare a termine un compito che le viene affidato. Sa anche difendere in modo intrepido le sue proprietà e la sua casa. E’ interessante anche l’analisi dell’ape singola per eccellenza, il bombo. Il bombo simboleggia forza e fiducia nelle proprie capacità. Aiuta a credere in se stessi e conferisce la forza per raggiungere ciò che potrebbe sembrare impossibile.

ANATRA (GERMANI REALI) 2001 – 2005

Lavoro in P.A.S. Gruppo Fondiaria-SAI, trasloco a Pianezza, ristrutturazione della casa, Via Sacra Longobardorum, Bretagna, Gargano, matrimonio, Scozia.

L’Anatra rappresenta l’amore per la terra nelle dimensioni dell’elemento acqua e fuoco. Essa porta nell’anima di cui è guida grandi capacità di fluire nelle energie di questi due elementi in modo armonico. L’anatra sviluppa la capacità di amare e proteggere i propri cari.

LUPO 2006 – 2011

Lavoro in Fondiaria-SAI, arredamento di Hoikos, apicoltura, nuoto, palestra, moto Triumph, kayak al lago grande di Avigliana, golf, gatti.

Il lupo rappresenta il Maestro. Aiuta a stabilire una connessione col leader interno, riconoscendo il proprio ruolo di guida o insegnante o -comunque- la consapevolezza del proprio ruolo sociale. Insegna la strategia e la perseveranza per raggiungere gli obiettivi, affrontando le sfide della vita. Protegge i nostri confini, bilanciando il nostro individualismo col senso di appartenenza alla famiglia e al gruppo. In molti miti il lupo è figlio della Luna e della Grande Madre e, nei tempi antichi, serviva queste energie come protettore mistico della natura.

AQUILA 2012 – 2015

La creazione del prodotto assicurativo RC Professionisti, studi giuridici avanzati, volo e brevetto, equitazione monta inglese, auto Land Rover, cane, acquario, voliera.

Nelle storie celtiche l’aquila rappresenta la rapidità, la forza divina e la conoscenza della magia. Connette con il sé superiore e vi aiuta a vedere le verità spirituali nascoste. Nelle leggende degli indiani d’america simboleggia il guerriero spirituale. Si invoca per ottenere una prospettiva più ampia e maggiore chiarezza. Parallelamente ai miti del Vecchio Continente, aiuta a percepire la verità più profonda nel cuore di una situazione. Rafforza la visione spirituale e creativa e favorisce l’ispirazione. Per collegarsi con il Sé Superiore.

ORSO 2015 – 2020

Fusione Unipol-SAI, trasferimento sede ufficio, vegetarianismo, palestra in mansarda, Langhe-Roero, birra e altri fermentati, arco, lutti, auto SsangYong, costruzione kayak.

L’orso simboleggia l’introspezione. Aiuta a radicarsi e a diventare introspettivo in modo da realizzare concretamente le idee, i progetti ed i sogni che si hanno in incubazione. E’ presente in molti disegni celtici. La parola “arth”, che significa “orso”, è la radice dalla quale deriva il nome di Re Artù. L’Orso è simbolo di forza, resistenza e introspezione. Esso insegna come nella tranquillità e nel sondare il proprio interiore si possa poi accedere alla rinascita e alla risoluzione di ogni conflitto.

 

Versione stilizzata “silhouette” per “MondOltre”: