Non saprò mai se i miei genitori mi compravano i Playmobil al posto del LEGO o del MECCANO (che poi io comprai in quantità al mio fratello di 13 anni e 1/2 più piccolo 😄 ) perchè costavano di meno, perchè la pubblicità e la diffusione nei territori francofoni era più incisiva o semplicemente perchè negli anni ’70 erano “alla moda”… fatto sta che dei pochi ricordi della mia infanzia, uno dei più vividi è rappresentato dai tantissimi Playmobil con i quali ho giocato giornate intere… quando ancora non sapevo cosa fosse un PC! In questa galleria tutti i modelli più famosi…

Nel 1974 la crisi petrolifera porta a produrre giocattoli con sempre meno plastica. Da circa 4 anni un produttore di giocattoli tedesco, la Geobra Brandstatter, sta lavorando a un gioco per bambini che utilizzi poca plastica ma dia soddisfazione. Vengono prodotti questi tre omini alti 7,5 centimetri (più gli accessori): un cavaliere, un capo indiano, un lavoratore generico. Presentati alla Fiera del giocattolo di Norimberga, sono un successo e dal 1975, quando sono entrati in commercio, non hanno più smesso di vendere (foto: Wikipedia)

CLICCA QUI PER VEDERE LA GALLERIA CON 167 FOTO


Immagine

Playmobil è una popolare linea di action figure prodotta dalla società tedesca Geobra Brandstätter a partire dal 1974.

A partire dal 1970, Hans Beck, direttore di produzione della Geobra-Brandstätter a Dietenhofen, vicino a Norimberga, iniziò a elaborare un universo di giocattoli totalmente innovativo. Presentata alla Fiera del giocattolo di Norimberga nel 1974, la Playmobil ottenne un successo immediato, a tal punto che Geobra-Brandstatter è diventato il primo fabbricante di giocattoli di tutta la Germania.

All’inizio degli anni settanta, prima dello choc petrolifero, la Geobra Brandstätter produceva giocattoli in plastica relativamente voluminosi (registratori di cassa, trattori a pedali), ma a fronte dell’aumento del prezzo della materia prima, decise di fabbricare dei giocattoli più piccoli. Allora Hans Beck ebbe l’idea di creare dei pupazzetti, provvisti di accessori. Fece così testare i prototipi ai suoi nipotini, che subito li apprezzarono con entusiasmo.

I primi Playmobil erano personaggi di genere maschile mentre le figure femminili furono prodotte solo dopo il 1976. Nel 1981 fecero la loro apparizione i primi bambini, di 2 centimetri più piccoli, alti 7,5 cm.

All’inizio solo testa, braccia e gambe dei personaggi erano in grado di muoversi. Bisognò aspettare il 1982 perché anche le mani fossero mobili e capaci di girare. Si sono aggiunte in seguito nuove acconciature, più particolareggiate, e abbigliamento dettagliato che non era più di colore uniforme.

Nel 1990 uscì la serie Playmobil 123, concepita per i bambini di età inferiore ai tre anni. I personaggi risultavano meno articolati ed erano sprovvisti di accessori che potessero essere ingeriti.

FONTE